il blog

Articoli con tag “movimento forza 9

Intervista di Giulio Bonanno a Elisa Farina per “Artetremila”

Come è nata la Sua passione per il teatro?

La passione per il teatro inizia molto presto. Da bambina ero affascinata dalla danza e dal teatro, inteso come luogo fisico.  Fino a 17 anni ho studiato danza classica, poi purtroppo ho dovuto smettere. Quindi ho iniziato proprio piccola piccola a sentirne il fascino e a voler respirare la polvere del palcoscenico, pur se con una disciplina differente

Qual è stata la scintilla che l’ha condotta ad intraprendere la carriera di regista e autore teatrale?

E‘ stato quasi un caso. Avevo scritto un romanzo breve, più per passione che per altro visto che dovevo ancora terminare gli studi, e un amico che lavorava in teatro notò che avevo un modo di scrivere che ben si adattava alla scena. Decisi di mettermi alla prova iscrivendomi alla scuola di recitazione Teates di Michele Perriera, nel corso di regia tearale. E durante quel percorso, effettivamente, vennero fuori cose di me che io stessa sconoscevo.

 Quale difficoltà ha incontrato durante il suo percorso artistico?

 Sembra assurdo da dire ma soprattutto all’inizio ho trovato difficoltà per il fatto di essere una donna e per di più giovane. Parliamo di sedici anni fa. Non è stato semplicissimo. Attori che avevano già lavorato non si fidavano ed era complicato farsi seguire. Poi mano a mano lo scoglio è stato superato. Anche se devo ammettere che anche oggi a volte noto una certa diffidenza iniziale rispetto ad un metodo teatrale che non è proprio diffusissimo, ma che è assolutamente personale

Ha dovuto aspettare molto per mettere in scena, in qualità di regista,  il suo primo lavoro teatrale?

Con la caparbietà che mi contraddistingue devo dire di essere stata abbastanza fortunata da questo punto di vista. Sono riuscita a mettere in scena il mio primo lavoro già durante il percorso formativo e prima di concluderlo ho addirittura debuttato con un testo mio „Sax Love“. Ho scoperto successivamente il Wooster Group di New York e le teorie scechneriane del „performance-text“, riconoscendo in esse molto dello stile personale che stavo elaborando. La multi-discipliniarietà è stata la base di un teatro che mira ad essere anche multi-sensoriale.

 Ha riscontrato difficoltà a reperire spazi idonei per l’allestimento delle rappresentazioni teatrali?

Il problema degli spazi è un problema veramente serio. Non che manchino, anzi. Ma sono purtroppo gestiti in maniera proibitiva per chi vuole accedere alla possibilità di tenere uno spettacolo in scena per un lasso di tempo ragionevole. I grand teatri stabili fanno circuito e sono assolutamente irraggiungibili se non per vie traverse. Gli altri non hanno quasi mai una direzione artistica che voglia osare e dare spazio a proposte teatrali alternative. A Roma poi, vige l’abitudine dell’affitto delle sale teatrali.  Una assurdità per chi lavora da professionista in questo settore

Che tipo di riscontro ha ottenuto dalle amministrazioni locali?

Devo dire che nonostante le lungaggini tipiche della burocrazia, le amministrazioni locali si sono mostrate spesso aperte alla nuova proposta di un teatro che non è, diciamo, classico. Ho lavorato e lavoro molto con la P.A. su progetto, ovviamente, anche perché sono fontamentalemte convinta che è nella progettualità che ci si può proporre sperando di ottenere risultati  che portino poi ad una abitudine verso questo stile teatrale

Cosa ritiene più importante nel suo lavoro sia di regista che di autrice?

Lo stile. Credo che la cosa più importante sia aver trovato uno stile personale. Come ho già detto prima credo che ogni artista ambisca alla elaborazione di un proprio stile, una sorta di riconoscibilità del proprio lavoro. Si ottiene naturalmente e anche con tanta fatica e mettendosi continuamente in discussione, fino a trovare un linea, un terreno sul quale muoversi agevolmente e che permetta di comunicare in maniera semplice ma efficace

Cosa pensa del mondo teatrale e cinematografico contemporaneo?

Penso che ci siano diversi fermenti positivi, più all’estero a dire il vero che in Italia. Noi siamo affezionati al passato. Ci apriamo alle nuove tendenze con difficoltà. C’è poca voglia di rischiare in cultura. Poco spirito imprenditoriale. I fondi pubblici sono sempre più miseri e nel privato non si riesce a fare un salto di qualità. C’è è vero poca gente che va a teatro. Ma credo che sia anche colpa delle proposte. In fondo non c’è da meravigliarsi che il pubblico si allontani dalle sale teatrali se comunque ciò che si vede è la stessa cosa da decenni.

Ha un progetto nel cassetto? Può regalarcene un’anteprima?

Progetti tanti. Non mi fermo mai. Penso ad uno spettacolo e non l‘ ho ancora finito che già si affaccia un’altra idea. Diciamo che nell’immediato porterò a termine alcuni lavori con le scuole e con gli anziani. Per le scuole continuo con i bravissimi artisti che lavorano con me a promuovere e realizzare un progetto che vuole educare i ragazzi alla lirica.Con gli anziani invece proseguiamo il lavoro di recupero della memoria personale per ridisegnare la storia, quartiere per quartiere, di una Roma sparita.

Inoltre stiamo lavorando alla messa in scena di uno dei musical più amati „West side story“ ma in chiave di performance test. Insomma tante cose da fare, non ultimo un progetto della CEE di formazione artistica permanente in collaborazione con prestigiosi partner europei: artisti di sette paesi insieme per uno scambio di esperienze e di percorsi formativi.

Cosa le piace di più?

La verità. Sembra banale, ma nella vita come in teatro, il „VERO“ è fondamentale per capire, per rapportarsi all’esterno, per comunicare. La verità è gesto e parola. Ma anche immobilità e silenzio.

 Cosa non le piace?

L’arrivismo. Anche qui, nella vita come in teatro, l’arrivismo è ciò che più distrugge ogni possibilità vera di comunicazione, di collaborazione e di creazione. Crea rapporti falsi sulla scena come nella vita. E soprattutto non permette di assaporare il momento.

 C’è un motto, una frase o un aforisma che potrebbe caratterizzarla?

Niente è impossibile. E‘ ciò che ha caratterizzato sempre il mio modo di fare e di essere. Gli ostacoli sono fatti per essere superati. Poi sicuramente c’è una frase he ho preso in prestito da una grande donna a cui ho voluto tanto bene e che mi ha sorretto e sostenuto nella fase dell’adolescenza, quando persi i miei genitori e mi trovai ad affrontare tutto da sola. Zia Lina (questo il suo nome) mi ripeteva spesso „Ogni impedimento è giovamento“ e questa  frase che mi ha accompagnata e mi accompagna sempre. Per questo voglio ricordarla anche qui: zia Lina è stata la mia forza quando senza alcun punto di riferimento avrei potuto intraprendere qualsiasi strada, o anche nessuna. E‘ uno di quegli incontri fortunati che cambiano la vita.

 Quale commedia ha visto recentemente che le è piaciuta di più?

Questa è una bella domanda. Purtroppo faccio parte di quel pubblico che si è allontanato dalle sale teatrali. Mi annoio fortemente. Vado a volte, ma devo ammettere che difficilmente supero indenne i primi venti minuti. Non so se sia deformazione professionale. E per non far torto a nessuno preferisco comunque  evitare qualsiasi titolo.

 Quale è  il suo film preferito?

Amo il genere fantasy, i film d’animazione, i vecchi film francesi. Non c’è un titolo sugli altri, diciamo che il mio film preferito risente tanto dell’umore del momento. In generale, comunque, se ho voglia di vedere un film, sono quelli i bacini dove vado a pescare. E se proprio voglio farmi due risate adoro il genere demenziale. Se risate devono essere che lo siano davvero…

Ha mai pensato di dirigere un film?

Diciamo che ci ho pensato anche perché è difficile non cedere al fascino di una storia cinematografica. Ma non ho mai percorso fino in fondo la strada. Però non ci ho mai tentato veramente. Il teatro mi emoziona talmente che riesce perfettamente a compensare il mio bisogno di raccontare.

Se sì, quale genere preferirebbe dirigere?

Mi piace molto il cinema francese. Mi è sempre piaciuto il modo di raccontare, la particolare fotografia, la sensibilità nel curare storie ed emozioni. Un pò lento, forse, per i ritmi da film americano ai quali ci siamo abituati, ma molto più vicino al teatro. Recentemente poi ho scoperto il cinema dei paesi del nord e lo trovo affascinante. Più crudo sicuramente del cinema francese, e si evince anche dal tipo di fotografia molto più „glaciale“, ma egualmente attento ai percosi emotivi dell’essere umano. Credo che se dovessi dirigere un film opterei per una cinematografia di questo tipo, anche se il mio sogno nel cassetto è da sempre realizzare un film fantasy sulla vita di Merlino, prima che diventasse il mago di Camelot. Sono racconti affascinanti e carichi di mistero e di magia. Mi piacerebbe realizzare un film su queste storie della mitologia celtica.

Cosa reputa fondamentale nella sua vita? 

Sicuramente ciò che segna la mia vita al di sopra di tutto è l’emotività. Emotività intesa come grande motore per tutto ciò che faccio. Non riesco a fare cose di cui non mi innamoro. E non riesco a lavorare con persone che non stimolano la mia emotività. E‘ una sorta di empatia che si crea, una comunicazione a un livello più profondo. Certo, è anche vero che una emotività tanto esagerata non è sempre positiva. Sono istintiva infatti. E passionale nella vita come nel lavoro. Sono soggetta a grandi incazzature e a grandi entusiasmi. Per fortuna poi c’è una parte logica di me che mi fa perseverare e aggiunge costanza e tenacia alla passione.

(Giulio Bonanno)

Vai alla pagina del sito

Artetremila

Annunci

Jean Pierre Papill: quando l’arte è colorata di emozione – GO K’ART

1102446_475614175887636_857422521_o Per la prima volta in Italia Jean Pierre Papill espone a Roma, presso la casa della Cultura di Villa De Sancits in via Prenestina 665.

La mostra è stata fortemente voluta dall’Associazione Movimento Forza 9, che rappresenta l’artista in via esclusiva, grazie anche al patrocinio del Municipio V  e dell’Assessorato alla Cultura di Roma Capitale

Incontrare l’arte di Jean Pierre Papill pone subito di fronte ad una scelta: lasciarsi catturare dal caleidoscopio di colori ed emozioni delle sue opere o porsi in maniera fredda, critica e distaccata. Quasi impossibile la seconda opzione visto che già al primo sguardo Jean Pierre sembra quasi accompagnarti per mano all’interno del suo complesso vissuto fatto di continui ritorni ad emozioni fanciullesche, fatto di ampi respiri e di improvvise impennate verso un universo cosmico che poco ha di terreno.

Le sei opere in esposizione a Roma sono frutto di un’attenta selezione dello stesso autore, che ha preferito tele di dimensioni contenute ad altre di  dimensioni ragguardevoli (es: Guitar 200 x 300 cm)

Il  melting pot dentro cui sono state forgiate le opere di Papill  motiva sia la versatilità che si nota nelle tecniche usate, sia la loro costante e forte esposizione al movimento, alla molteplicità tecnologica che si realizza nel contesto in cui vedono la luce. C’è un fortissimo senso della manualità nel lavoro di Papill, e questa manualità è diventata ormai inscindibile dalla manipolazione tecnologica dei materiali usati e dalla realizzazione stessa delle sue opere.

L’allestimento stesso della mostra, di cui Jean Pierre ha dato le linee artistiche e concettuali in anteprima alla nostra associazione, ci riportano ad una visione dell’arte, e del mondo che vuole rappresentare, che va al di là di ogni schema precostituito. GO K’ART  è il gioco dell’universo cosmico presente in ognuno di noi. E’  lo sguardo stupito del fanciullo cui si rivela un mondo di conflitti e di contrasti che però sono movimento stesso della vita e piattaforma verso un futuro ancora sconosciuto ma ricco comunque di sorprese.

La mostra è visitabile dal 13 al 16 novembre 2013 dalle 16 alle 20 ad ingresso libero.


Link

Intervista di Sigmund Blog ad Elisa Farina

1006275_420536488060680_1451120776_nIntervista di Sigmund Blog ad Elisa Farina

Intervista ad Elisa Farina – direttore artistico di Movimento Forza 9 – per il Road Art Fest


Teatro e scena contemporanea

Teatro e scena contemporanea

Teatro e scena contemporanea

Il termine contemporaneo dovrebbe indicare, così come avviene per l’arte, che il periodo di interesse e di studio in oggetto non ha esaurito le sue spinte propulsive ma che, invece, sono ben vive nel presente e alla ricerca di nuovi e sempre più moderni mezzi espressivi. La sempre maggior velocità e mole di scambi di idee, informazioni e cultura intorno al globo avviene anche nel mondo dell’arte. Molte delle barriere e distinzioni sono cadute contribuendo ad una vivacità e multidisciplinarietà tipica dell’arte contemporanea che ne ha fatto spesso ragione. Nel

tutto questo potrebbe essere esaltato e sublimato visto che essendo irripetibile in ogni sua rappresentazione può, meglio di ogni altra forma artistica adeguarsi alla velocità e alla multidisciplinarietà. Ogni sera lo spettacolo in teatro rivive nuovo e nessuna altra forma d’arte ha questa caratteristica del potersi reinventare ad ogni sua rappresentazione. Invece viene lasciato morire. Come forma d’arte stantia essendo invece l’unica vera forma d’arte che può stare al passo coi nostri tempi veloci.


Libertad – Capua – 15 febbraio 2013

Libertad

Libertad – Capua 15 febbraio 2013

A Capua un respiro di LIBERTAD che la città ci ha restituito con tutto il cuore che stava nelle strade, nei palazzi carichi di storia. Un’emozione fortissima. I ragazzi sul palcoscenico sono stati unici e fantastici. Grazie ad Angela Esposito, Alberto, Marianna, Federica, Marco, Pina, Mara e Giovanna. Grazie a Luigi e Teresa. Grazie a Francesco Celentano. E grazie ad Alessio Colella. Grazie all’organizzazione di Monja Colella e di Margherita Farina. Meravigliose le musiche originali di Enrico Crocco.

E grazie a Capua e alla sua anima


La casta a teatro


la casta a teatroComincia un nuovo anno e come sempre i buoni propositi si sprecano. Arriverà il prossimo 31 dicembre e si tireranno le somme.I soliti noti saranno sempre al loro posto e ci si lamenterà della mancanza di nuove proposte.Mi viene da ridere quando leggo che non se ne può più di vedere a teatro sempre le stesse cose e che la qualità degli spettacoli è in caduta libera. Mi viene da ridere perchè gli stessi che si lamentano sono quelli che poi non danno spazio a chi non ha fatto almeno un passaggio in un reality.Avessero almeno la dignità di stare zitti. C’è del buon teatro, ci sono buone proposte, ma è importante che non si vedano. Il pubblico deve essere abituato alla mediocrità. Perchè solo così i mediocri possono avere un pò di  popolarità. Il nostro è un tempo di caste e la peggiore di tutte è quella dei cosiddetti “intellettuali”. Arroganti e presuntuosi non si curano della società nella quale vivono. Non hanno idee politiche, ma amici politici dai quali ottengono favori e privilegi alla fiera della mediocrità. E di fronte allo sfascio generale e culturale restano muti o si limitano a blaterare qualcosa di assolutamente scontato e inutile.E’ difficile parlare con la bocca piena…

Elisa Farina


La chiesa ed il Tweet da scomunica

the-pope-on-twitterIl papa la chiesa e le sue mille contraddizioni non hanno retto alla tempestiva cordata di domande più o meno serie,critiche esilaranti e appunti giustificati del Twitter mondiale e non poteva essere altrimenti;non più fedeli abbagliati da navate lastricate di marmo ma genti sveglie e informate che non fanno sconti al papa punzecchiandolo con frasi tipo “ma se l’8×1000 proviene da un gay o da un divorziato,voi non lo accettate vero?” oppure “ma non le sembra il caso di vendere il suo guardaroba per aiutare i più poveri?”Insomma la pacchia è finita e checché se ne dica il mondo del web ha dato la sua risposta : basta coi vari babbo natale,cristi ed epifanie,non ci si abbocca più;l’ account del papa ( lo trovate su Twitter come @pontifex) non da risposte ma anzi alimenta soltanto dubbi e contestazioni.Certo non bisogna generalizzare ma sicuramente di tempo ne è passato da quando bastava contestare per essere bollati e scomunicati ( con conseguenze drammatiche) a quando un ingenuo e tagliente 15enne può scrivere liberamente al pontefice ” ei ponti stasera sono a Roma,se famo na birra insieme?” senza per questo essere incarcerato.La cosa più paradossale e’ che questo,tutto questo i gentili signorotti del Vaticano non l’ hanno chiaro nelle loro menti visto che ben poche risposte arrivano ai commenti lasciati (a che serve aprire un account se poi non lo si usa e non si risponde a chi ti scrive?!) e il tutto si è ridotto a bieco evento mediatico.Tanta noia belle parole ed il Re che costantemente non si rende conto di essere irrimediabilmente nudo.Pazienza.

Alessio Colella


La crisi del Welfare e la pipì si paga

Le ferrovie dello stato non sono dello stato ma anzi sono una SPA ( società per azioni) in cui compaiono nomi che fanno tremare come il Gruppo Caltagirone.Questo vuol dire tradotto in pratica che i bagni pubblici in realtà NON sono pubblici ma privatissimi a Stazione Termini.Non hai un euro per entrare in bagno?Pazienza te la fai sotto e il problema più grave e’ che la cosa non sembra sconvolgere più di tanto.E’ la crisi dello stato sociale o meglio e’ il nuovo Medioevo dove il più forte vince e non è perché manchi un euro da regalare allo sportello che qualcuno scrive di certe cose e’ il principio.Gia’…..il principio dietro quell’ euro che per entrare in bagno devi pagare.Cosa e’ successo?Le tasse che paghiamo quindi se devo pagare finanche’ per un goccio di pipì a che servono?Se devo pagare il trasporto se devo pagare l’università il ticket se devo pagare le ferrovie anche per un bisogno primordiale e naturale come la pipì a cosa serve lo stato sociale?Dov’e’ ?Agonizzante strozzato da pochi uomini avidi e spietati lo stato sociale il famoso welfare e’ morto e’ il Medioevo e come nel Medioevo chi impedirà che il Colosseo venga privatizzato ( come già si era tentato di fare ) e buttato giù per farci un super mega nuovo parcheggio?Pazienza.

 Alessio Colella

LE DONNE DI PUCCINI

Di quali donne parliamo? Di quelle che hanno riempito la sua vita di uomo o di quelle che ci ha lasciato
nelle sue opere immortali? Le une si confondono con le altre, amanti, amiche, complici e nemiche, maliardee ingenue, morbide e taglienti…
Ma come potrebbe essere diversamente per Puccini? Senza andare a cercare semplicistiche pseudoanalisi psicoanalitiche (il gineceo della famiglia, il bisogno dell’immagine materna…), Puccini appartiene ad uno scorcio di secolo dove le glorie patrie e le eroiche imprese cominciano a perdere attrattiva e le istanze sociali egregiamente cavalcate da Verdi in molta della sua produzione operistica, sembrano catalizzare meno l’interesse del pubblico.
Del resto, l’Italia era fatta, anche se male, e il Risorgimento un ricordo quasi da dimenticare, mentre
l’ombra della Prima Guerra Mondiale, che si affaccerà sinistra sullo scenario internazionale, è ancora lungi da venire.
È un momento di transizione, dove si recupera quel bisogno di ritrovare sentimenti più personali che
collettivi: un ritorno ad un ‘privato’ ante litteram che in Italia troverà proprio in Puccini il suo cantore
preferito.
Ma attenzione a non confondere i sentimenti col sentimentalismo, che davvero poco ha a che spartire col compositore lucchese: egli canta con sapienza i sentimenti ma mai, o raramente, scivola nel sentimentalismo nonostante una parte della critica a lui ostile continui a mettergli questa ingiusta etichetta. Egli conosce bene, da artista di rango qual’è, il sottile limite che separa questi due stati d’animo, e rifugge il secondo, foriero solo di romanticherie di quart’ordine.
La sua concretezza, ma più ancora il suo grande rispetto per il pubblico, gli impedisce di soddisfare con
merce di bassa qualità i bisogni della gente, non solo di quei benpensanti in pelliccia nella platea o dei palchi, ma anche dei loggionisti e di quelli che all’opera ci vanno perché la musica è un bisogno importante quasi quanto il pane.
Ed ecco che, passo dopo passo, la materia prima del suo genio artistico si raffina e si fa più ricca,
complessa, articolata: complice la sua curiosità che lo porta a confrontarsi con il mondo musicale europeo, ed una innata voglia di andare oltre i traguardi conseguiti, mai pago, mai sazio, mai convinto di aver dato il meglio di se stesso.
Compositore eccelso, si fa esigente con i suoi librettisti piegando il testo alla ricerca di un’armonia totale
con la musica nella quale l’uno completa l’altra e viceversa: seleziona, taglia, corregge, suggerisce, ordina, inventa, stimola fin quando il verso, la parola, la frase non è forgiata a dovere, e si incastona con quel travaglio di note che via via prende forma e si estende all’intera orchestra.
Sì, Puccini vive ognuna delle sue opere con passione e lucidità, passando dall’indescrivibile esaltazione
dell’atto creativo alla disperata ricerca di un’ottimizzazione che sembra sempre insufficiente a soddisfare la sua smania di perfezionismo, o, piuttosto, il suo bisogno di dar vita ad un assieme che sappia raggiungere i sensi e il cuore del suo pubblico.
E in questo braciere dove arde perenne la fiamma della creatività, prendono vita le donne di Puccini,
protagoniste dei suoi drammi, elementi imprescindibili di molte delle sue opere. Egli non si risparmia
affinché ognuna di esse divenga davvero ‘motore’ e anima della vicenda: al di là della facile retorica della morte di quasi tutti i suoi personaggi femminili, egli le ama profondamente e affida a loro, esplicitamente o più spesso in modo occulto, il compito di guidare le fila del gioco perché ogni destino trovi il suo compimento.
Sì, sono loro che guidano il gioco, loro i personaggi principali anche se i ruoli maschili sembrano
sovrastarle ed imporsi; quelle donne che Puccini ci racconta, sono simboli immortali di quei valori assoluti che sono alla base di ogni società in ogni tempo, valori che solo una donna può incarnare senza correre il rischio di poter avere un secondo fine.
* * * *
Saltando, ma solo per motivi di brevità, le prime due opere, Le Villi ed Edgard, sulle quali meriterebbe
fare un discorso a parte, consideriamo la prima delle opere successive, MANONLESCAUT del 1893. La
protagonista, la giovane Manon, così si presenta all’estasiato Des Grieux “…eppure lieta, assai lieta un
tempo io fui! La quieta casetta risuonava di mie folli risate…ma di gaiezza il bel tempo fuggì…”. Come ben si accosta alla ben più celebre aria del secondo atto “In quelle trine morbide” nella quale si dice “O mia dimora umile, tu mi ritorni innanzi, gaia isolata, bianca come un sogno gentile e di pace e d’amor…”.
Eppure, per l’immaginario collettivo, Manon è solo una superficiale e opportunista ragazza capace di
usare gli uomini per il proprio benessere e foriera di sciagure per il giovane Cavaliere che se ne era
invaghito. Forse davvero Manon è anche questo, forse davvero ricchezza e benessere suscitano in lei passioni sconsiderate che la portano ad agire senza pensare quali conseguenze possano avere i suoi comportamenti!
Manon impersona però la passione ai livelli più alti, l’irrazionale abbandono alle sensazioni più umane e
carnali e al contempo al dolce e struggente amore che non si pone domande, né limiti, né regole, ma vive e si consuma consumando chi lo vive.
Quella ragazza è il simbolo incarnato di questo desiderio e di questo innamoramento: travolge e
distrugge chiunque le si avvicini, arde e fa ardere senza pudori, censure, razionalità. Ciò che resta, dopo, è solo il deserto, quel deserto dove si troverà a concludere, nell’ultimo meraviglioso atto dell’opera, i suoi giorni “sola, perduta, abbandonata in landa desolata…”. E come potrebbe essere diversamente? Tutto è bruciato intorno a lei, tutto è perduto: le resta accanto l’amore che ha generato, la passione che ha acceso: Des Grieux.
Ma anch’egli ora si è fatto il deserto intorno e deve fare i conti con se stesso, con la propria coscienza;
proprio come lei che si ripete, sulla soglia del fatale epilogo “…Il mio passato orribile risorge e vivo innanzi al guardo mio si posa…
Questa è la Manon di Puccini, che egli non giudica né condanna: in lui c’è più bisogno di capire che di
giudicare e la sua pietas si stende, come quelle ultime note che chiudono l’opera, come un velo a rispettare l’estremo momento di colei che ha vissuto, o ha creduto di vivere, senza veli di fronte ad una società bigotta che non perdona.
* *
Tre anni dopo, due donne calcano, tra gli applausi del pubblico (e, anche se non subito, quelli della
critica), il palcoscenico del Teatro Regio di Torino, dove si rappresenta per la prima volta BOHEME.
Due protagoniste apparentemente diverse e invece così vicine, vivono nella Parigi del 1830 la vita dei
giovani bohemien fatta di sogni, di speranze, di illusioni, di piccole felicità dentro una infinita voglia di
vivere. Rispetto al testo da cui l’opera è stata tratta, ovvero Scene di Vita di Boheme di Henry Murger, la storia è meno esplicita rispetto alla vita di questi giovani, specie delle due protagoniste femminili. In ogni caso Puccini non nasconde per entrambe quella maliziosa temerarietà che le porterà a vivere esperienze anche abbastanza “audaci”. E così, seppure la giovane Mimì, si presenta a Rodolfo come “…son tranquilla e lieta ed è mio svago far gigli e rose. Mi piaccion quelle cose che han sì dolce malia, che parlano d’amor, di primavere, di sogni e di chimere, quelle cose che han nome poesia…”, in realtà è ben più smaliziata di quanto voglia apparire come bene appare, proprio nell’ultimo atto, quando, ricordando la scena della chiave smarrita, dice “…mio bel signorino, posso ben dirlo adesso: lei la trovò assai presto…”.
Per contro, quella antesignana della Marilin Monroe che entra prepotente nel secondo atto attaccando
una romanza dall’apparente taglio disinibito e provocante “… ed assaporo allor la bramosia sottil, che dagli occhi traspira e dai palesi vezzi intender sa alle occulte beltà. Così l’effluvio del desìo tutta m’aggira, felice mi fa…”, Musetta, è in realtà una brava ragazza, come dirà Mimì a Marcello, e proprio come una brava ragazza sarà a fianco dell’amica morente cercando nella preghiera una risposta ed una consolazione ad un evento troppo grande per lei quanto per i suoi amici, impreparati a fare i conti con la morte.
Mimì e Musetta, donne troppo “moderne” per quel fin de siècle con pruriti di modernismo insidiati da un perbenismo ancora troppo forte; eppure quella loro vita così anomala (il vecchio Alcindoro per Musetta, il Viscontino per Mimì) non impedisce al pubblico di amarle sconsideratamente decretandone una più che meritata immortalità. In fondo, immortale è la giovinezza, la voglia di vivere, il saper essere felici anche di poco, il credere nell’amore, l’affrontare le pene d’amore; sentimenti che sono stati, e saranno, riconoscibili al di là dei tempi e delle mode perché sono dentro i nostri cuori e parlano una lingua universale. Così scompare l’immorale che potrebbe segnare la personalità delle due donne ed emerge e trionfa quel piacere della vita, quel bisogno di vivere fino all’ultimo minuto che farà dire a Mimì, al termine del III atto, “…vorrei che eterno durasse il verno… ci lasceremo alla stagion dei fior…”
* *
“…Vissi d’arte, vissi d’amore, non feci mai male ad anima viva…” Ecco, forse, il vero volto
dell’intrepida e passionale protagonista di TOSCA andata in scena al teatro Costanzi di Roma il 14 gennaio del 1900. L’appassionata e passionale cantante romana, amata dal pittore e patriota Mario Cavaradossi, rivela un altro volto delle eroine pucciniane, quello della virtù nascosta.
Ciò che ci viene mostrato nelle scene del primo atto è una figura altera, sprezzante e sommamente
autereferente: è lei il centro dell’universo, lei il motore immoto verso il quale gli altri, pubblico o amante, devono attenzione e dedizione. Come non ricordare con un sorriso quella gustosa scena del quadro nel primo atto, con un finale davvero geniale nel quale Tosca, di fronte al dipinto della Maddalena col volto dagli occhi cerulei della Marchesa Attivanti chiede, supplice e perentoria, all’amante “…ma falle gli occhi neri” a riproporre il suo egocentrismo o, forse, la sua massima fragilità.
Poi il personaggio cresce e mostra le sue molteplici sfaccettature; passo dopo passo assistiamo ad un
dischiudersi di un bozzolo e allo sbocciare di una farfalla dalle cupe ali carminie. Il suo amante è il suo
amore e lei, non la viziata e disponibile vamp dei salotti “bene”, ma una donna che chiede rispetto per sé e per i suoi sentimenti, che non accetta i facili compromessi, che è disposta a mettersi in gioco fino
all’estremo. “… O dolci mani, mansuete e pure…” le dirà Cavaradossi dopo aver appreso che ha ucciso Scarpia, “…mani elette a bell’opre pietose, a carezzar fanciulli, a coglier rose, a pregar, giunte, per le sventure…”. Sì, quelle delicate mani hanno saputo con fermezza punire una duplice violenza: quella verso di lei che, desiderosa solo di restituire la libertà al suo amato, si vede ricattata e chiara come “giocattolo del piacere” da parte del Barone Scarpia, e quella verso tutti coloro che Scarpia ha violato, intimidito, vessato, forte solo del proprio smisurato potere: “davanti a te tremava tutta Roma” dirà tra il disprezzo e la meraviglia, dopo averlo visto riverso ed esanime nel suo sangue.
E poi quella corsa a Castel Sant’Angelo con un inutile salvacondotto e le parole morbide e appassionate
di una donna che ha finalmente dimesso quegli ingombranti abiti della primadonna per assumere un ruolo che più le appartiene. Ancora altera, certo, consapevole del proprio fascino e del ruolo che la sua professione le ha concesso in seno ad una società estremamente attenta ad evitare contaminazioni, ma pur tuttavia in lei prevale un ingenuo, autentico amore per quelle cose semplici e vere che costituiscono l’essenza della vita al di là delle apparenze e dei condizionamenti “… non la sospiri la nostra casetta che tutta ascosa nel verde ci aspetta? Nido a noi sacro, ignoto al mondo inter…” sussurrerà in chiesa al suo Mario come motivo di gioia profonda. E infine la sua morte “…Scarpia, davanti a Dio!” estremo gesto di libertà che rifiuta la fallace e opportunistica giustizia degli uomini per chiedere direttamente udienza a Colui verso il quale ha sempre dimostrato rispetto. Anche in questo caso ci troviamo di fronte ad un personaggio complesso, incastonato in uno scenario storico molto circostanziato (Roma, giugno 1800, la battaglia di Marengo che funge da collegamento tra il primo e il secondo atto, il Te Deum per la notizia della sconfitta di Napoleone da parte del generale austriaco Melas e la smentita giunta a Palazzo Farnese mentre Cavaradossi è fatto oggetto di tortura per conoscere il luogo dove il prigioniero fuggito da Castel Sant’Angelo è da lui tenuto nascosto) che ne esalta maggiormente la personalità accentuandone l’apparente metamorfosi che ne rivelerà un volto molto meno superficiale di quello con il quale era stata inizialmente presentata.
* *
Dalla Roma del XIX secolo al Giappone dei suoi tempi per un personaggio davvero particolare. Di
MADAMA BUTTERFLY sappiamo bene il clamoroso fiasco della prima scaligera nel febbraio del 1904 e delle modifiche apportate per poi essere acclamata, solo pochi mesi più tardi, al teatro Grande di Brescia nel maggio dello stesso anno.
Si fronteggiano, in quest’opera, due cognizioni della vita che si pongono agli antipodi: da un lato
l’arroganza di un Occidente colonialista e tronfio della propria potenza economica e culturale, dall’altra un Giappone che iniziava ad aprire i propri porti ai commerci internazionali e si “offriva” con fin troppa
disponibilità, alle richieste che gli venivano fatte. Sulla scena Pinkerton, comandante della nave americana Lincoln, e Ciò Ciò San, Butterfly, geisha e promessa sposa di quell’uomo. Apparentemente nulla di strano, si guardi bene: di quei matrimoni “provvisori”, destinati a soddisfare la permanenza per un certo periodo dei civili o dei militari in quel Paese, se ne celebravano molti e spesso con reciproca soddisfazione, giacché per gli uni si prospettava un piacevole periodo di cure e attenzioni speciali, per le altre un periodo di benessere economico e la prospettiva di un piccolo capitale da utilizzare “dopo”, quando il contratto veniva recesso.
Ma, ed è qui che si pone la reale arroganza di certi popoli e di certi soggetti, non tutti sono uguali e non
per tutti gli affari sono la primo posto: è il caso di questa giovane fanciulla di 15 anni la cui storia è da lei brevemente raccontata con semplicità pochi attimi prima della cerimonia nuziale “…Eppur conobbi la ricchezza. Ma il turbine rovescia le querce più robuste…e abbiam fatto la ghescia per sostenerci… Ridete? Perché? Cose del mondo…” e il cui sogno è quello di abbandonare il suo mestiere di geisha per vivere da moglie americana, privilegio per lei di indicibile valore che la porta persino a disconoscere le sue tradizioni E per farvi contento potrò forse obliar la gente mia…”
Tutto ciò non interessa in alcun modo al capitano che, sprezzante, deride le parole del Console Sharpless “…badate, ella ci crede” che lo induce ad una prudenza e ad una riflessione, “… Console mio garbato, quetatevi! Si sa, la vostra età è di flebile umor. Non c’è gran male s’io vo’ quell’ale drizzar ai dolci voli dell’amor!”.
Sì, Butterfly ci crede e ci crede davvero fino al punto di assumere una propria identità interiore
americana (il mito americano…) che la porterà fuori dal suo clan dopo la maledizione dello zio Bonzo, sola e abbandonata da tutti, ad esclusione della fedele domestica ed amica Suzuki, l’altro importante personaggio femminile dell’opera, colei che rappresenta l’assoluta fedeltà sia alla padrona che alla sua terra e alle sue tradizioni. Tutta la musica che Puccini compone in quest’opera è dedicata alla fragile farfalla le cui ali saranno crudelmente strappate dalla superficialità di un uomo che ben rappresenta la felloneria di molti popoli conquistatori. Butterfly, l’amore che va oltre ogni ragione, che vince ogni dubbio, che “muore” solo quando viene offeso e tradito nella sua più profonda identità. Una morte “onorevole” che ha bisogno di una catarsi: “muore con onore chi non può vivere con onore” è scritto sul pugnale che il padre le ha lasciato. Ma certe cose non sono “americane”: e allora la piccola Ciò Ciò San torna ai propri déi e alle proprie radici, respinta da quel mondo nel quale si era illusa di poter vivere alla pari “…signora Pinkerton, prego” dirà con tono deciso al console Sharpless in visita da lei.
Se all’inizio dell’opera, dopo la maledizione, Butterfly dirà a Pinkerton di sentirsi “…rinnegata e felice”, al termine di questa storia ella sentirà il bisogno di tornare nel suo mondo, forse non meno crudele di quello dell’ingannevole compagno, ma sicuramente più capace di comprendere quelle “…piccole cose, umili e silenziose, ad una tenerezza sfiorante e pur profonda, come il ciel, come l’onda del mare…” che l’altro non ha saputo né comprendere né rispettare.
Butterfly è forse, insieme a Turandot, l’opera che maggiormente è capace di mostrare la sensibilità di
Puccini in merito all’universo femminile e alle molteplici complessità e ricchezze che esso presenta. Puccini ha amato Butterfly più di ogni altra sua opera e in essa ha trasfuso tutto se stesso, imbastendo una partitura ricchissima e di struggente drammaticità, capace di sonorità incredibili che sostengono un libretto nel quale è personalmente più volte intervenuto per dare maggiormente senso al suo disegno. E così, la piccola giapponesina ha saputo volare in ogni parte del mondo portando la propria disperata storia nelle orecchie e nei cuori di milioni di persone di ogni razza: in un secolo ha varcato gli oceani e ha raccontato, con parole intense e persuasive, come si possa inseguire un sogno così a lungo e così lontano da rischiare di perdersi per poi ritrovarsi e dover scegliere se continuare ad essere solo una pedina mossa da altri o riappropriarsi della propria libertà e della dignità di essere ciò che sentiamo essere il nostro anche al prezzo della propria vita.
* *
Febbraio 1904, dicembre 1910: New York, teatro Metropolitan. Sembrano così lontane quelle
“sfortunate” eroine delle opere precedenti, vittime di se stesse, della fedeltà alle proprie scelte o solo di un destino che ha voluto per loro epiloghi cruenti. Il nuovo mondo si appresta a consacrare una nuova “donna” di Puccini, concreta, spregiudicata e ben decisa a far valere i propri diritti e quei principi per i quali ha deciso di battersi.FANCIULLA DEL WEST è, tra le opere di Puccini, una delle meno rappresentate pur avendo una bellissima partitura e delle soluzioni sceniche davvero innovative. In quella rozza terra di minatori e uomini rudi, una donna sovrintende la salute psichica e morale di tutti, Minnie “…ciò vuol dire, ragazzi, che non v’è al mondo peccatore cui non s’apra una via di redenzione… Sappia ognuno di voi chiudere in sé questa suprema verità d’amore…”. È un misto tra Mimì e Tosca, ma molto più pragmatica e capace di perseguire i propri, onesti, scopi anche con mezzi poco leciti; una donna che sa ancora sognare e amare le struggenti nostalgie lontane anche se vive in un luogo decisamente poco femminile “…laggiù nel Soledad, ero piccina, aspettando cader qualche moneta per comprarmi dei dolci, la vedevo – la mamma – serrar furtiva il piede al babbo mio. Si amavan tanto! … Anche io vorrei trovare un uomo e certo l’amerei…”. Una donna che sa farsi amare e rispettare quasi senza fatica “…Rance, basta! M’offendete! Vivo sola così, voi lo sapete, perché così
mi piace…Rance lasciatemi in pace”, almeno fino a quando diviene esplicito oggetto dell’interesse di due uomini diversi tra loro anche se, in qualche modo, accomunati da un identico cipiglio. Il loro machismo configge con quell’ambiente nel quale la saggia Minnie ha saputo infondere regole semplici ma essenziali al reciproco rispetto e alla convivenza pacifica “…povera gente! Quanti sono di loro che han lasciato lontano una famiglia, una sposa, dei bimbi, e son venuti a morir come cani, in mezzo alla fanghiglia per mandare un po’ d’oro ai cari vecchi, ed ai bimbi lontani…” ed ella, per la prima volta, deve fare i conti con sentimenti nuovi che convergono dentro di lei creando scompiglio nei suoi pensieri e mettendo per un attimo in crisi i suoi valori. È davvero amore quello che prova per il bandito Dick Johnson? E perché si sente lusingata dalle avances dello sceriffo Jack Rance? Come conciliare le sue regole morali con quell’uomo che ha scelto di porsi al di fuori delle leggi degli uomini e di Dio? “…che voi siate un bandito…ve lo perdoni Iddio. Ma il primo bacio mio vi siete preso, ché vi credevo mio, soltanto mio! Andate, andate, addio!… […] No, resta! T’amo! Resta! Sei l’uomo che baciai la prima volta…”
E cosa fare per impedire che quel piccolo universo di serenità nel quale è vissuta così a lungo (ricorda, in qualche modo, la fiaba di Biancaneve e i sette nani: lo stesso identico approccio, la stessa reciproca
solidarietà pur nella netta consapevolezza della differenza che li separa…), possa crollare sotto il peso di
quel conflitto tra i due rivali e con quello della propria coscienza? “…io v’offro quest’uomo e la mia vita! Una partita a poker…se vincete, prendetevi questo ferito e me… Ma se vinco, parola di Jack Rance gentiluomo, è mio, è mio quest’uomo…”.
Puccini è bravo a disegnare questa nuova protagonista del suo universo musicale: lo fa con pennellate
decise e con una delicatezza che impressiona, quasi che volesse ricordarci che, seppur diversa, appartiene anch’ella a quel gineceo nel quale i sentimenti, i valori, i principi costituiscono l’elemento principale.
Come non citare alcune significative battute del terzo atto che mettono in luce la determinazione della
protagonista! Così di fronte alla frase di Rance rivolta ai minatori “.. strappatela di là! Nessun di voi ha
sangue nelle vene? Una gonna vi fa sbiancare il viso?…”, ella risponde dura “Osate!…” e poco più oltre, di fronte al “basta! Al laccio!” dei minatori sobillati dal geloso sceriffo, di nuovo Minnie interviene con decisione “… Non vi fu mai chi disse ‘basta’ quando per voi davo i miei giovani anni… Quando, perduta fra bestemmie e risse, dividevo gli affanni e i disagi con voi…”.
Minnie non soccomberà sotto il peso delle sue scelte, vincerà e porterà con sé il frutto della sua vittoria.
Per una volta almeno, la coerenza non implica la morte e trionfalmente saprà coniugare le diverse istanze che si sono proposte alla propria coscienza.
* *
Gli anni corrono veloci: ormai alle spalle, più lontano di quanto cronologicamente possa apparire, il XIX secolo ha lasciato il posto al XX, che si è proposto con innovazioni e un desiderio di sconvolgere e stravolgere le regole del passato.
Ma questo nuovo secolo porta con sé anche una lunga sequela di tragedie che coinvolgeranno il mondo
segnandone irreversibilmente il destino, prima fra tutte quella prima Guerra Mondiale che sconvolge gli
equilibri politici e sociali, oltre che la vita, di milioni di persone.
In mezzo a questo conflitto, con una genesi travagliata e complessa, nasce RONDINEche sarà presentata
per la prima volta al Téatre de l’Opéra di Monte Carlo il 27 marzo del 1917. Un’operetta sarebbe dovuta essere almeno negli intenti dei committenti, gli impresari austriaci del Carltheater ma Puccini, dopo alcuni tentativi fatti di malavoglia, non ha dubbi: “…io operetta non la farò mai; opera comica, sì vedi Rosenkavalier, ma più divertente e più organica…” scriverà al suo amico barone Eisner. E operetta non lo fu mai anche se il suo destino, a differenza delle sue sorelle, sarà quello di essere poco rappresentata, poco conosciuta e, forse, poco compresa, tanto da essere tacciata, con evidente discredito, come la “Traviata del pover’uomo”.
Eppure, nel suo cinismo è davvero un piccolo gioiello e le sue protagoniste femminile,Magda e la sua
cameriera Lisette, rappresentano emblematicamente due stereotipi di grandissima attualità.
Grande nel tracciare il profilo scenico e musicale della pimpante domestica (una Musetta forse ancor più
smaliziata), non lo è da meno quando inquadra la protagonista che, ricca e mantenuta, insegue per un attimo il sogno di un amore vero per poi perdersi in un opportunisticostatus che le consente benessere e stima.
Numerosi sono i passaggi significativi ed eloquenti di questa opera, a partire dal primo atto con quel
“sogno di Doretta” che Magda riprende sulle parole del poeta Prunier “…un bel giorno il re la bimba volle avvicinar: se a me credi, se tu me cedi, ti farò ricca! […] Ma come son rimango, chè l’oro non può dare la felicità…!” , per darne un proprio epilogo nostalgico e straziante “…Ahimé un giorno uno studente in bocca la baciò e fu quel bacio rivelazione: fu passione! Folle amore! […] Che importa la ricchezza se alfine è rifiorita la felicità! O sogno d’or poter amar così…” a cui fa seguito, nel dialogo con le amiche, “…denaro…denaro… nient’altro che denaro. Ma via! Siate sincere! Son sicura che voi assomigliate e spesso rimpiangete la piccola grisette ch’è felice col suo innamorato…” e, se ancora non bastasse, “… Ah, quella sera che sono scappata alla mia vecchia zia! Mi par ieri… e perché non potrebbe esser ancora domani?…
Di tutt’altro avviso Lisette che ironizza per la battuta di Prunier “… imperversa una moda nel gran
mondo elegante…L’amor sentimentale” con una frase amara e sarcastica “…Amor sentimentale? Ma non
dategli retta! Storie… si vive in fretta: ‘ Mi vuoi?’ ‘ Ti voglio’… È fatto !
Madga riprova a vivere quel sogno, in incognito, vestita da grisette nel locale “da Bullier”, qualcosa di
più equivoco e promiscuo del caffè Mumus di Boheme ma che funge da location ideale per incontri e scontri tra i protagonisti dell’opera. E là rivede, non riconosciuta, Ruggero, giovane provinciale ospite di Rambaldo e siede con lui rivivendo sensazioni che credeva perdute e riassaporando il piacere dei sentimenti puri. “…così timida e sola assomigliate alle ragazze di Montauban quando vanno a ballare, alla carezza di una musica vecchia, tutte sorriso e tutte giovinezza…” dice commosso e imbarazzato Ruggero a questa sconosciuta che dice di appellarsi Paulette, e Madga “…parlami ancora, fa che io sogni…” ed ancora, quando Ruggero le dichiara il suo amore “È il mio sogno che s’avvera! Ah se potessi sperare che questo istante non muore che il mio rifugio saran le tue braccia, la salvezza il tuo amore sarei troppo felice né più altro vorrei dalla vita…
Le sembra tutto possibile, anche rintuzzare le reprimenda di Rambaldo venuto, da solo, a godere delle
opportunità del locale. Rinunciare a lui e al benessere che le garantisce le sembra in quel momento normale: ha ritrovato l’amore e desidera viverlo. Come nella Traviataverdiana, Ruggero e Magda vanno a vivere lontani dalla capitale per rifugiarsi con il suo amato in un remoto angolo della Costa Azzurra, paghi del loro amore anche se in ristrettezze economiche.
Ma qui Magda viene assalita dal rimorso di aver nascosto a Ruggero il suo passato, sicché quando il
giovane le annuncia di aver ottenuto dai genitori il consenso alle nozze, essa si accorge di non poter essere la moglie sognata dal suo uomo.
Rivela quindi all’innamorato la verità e gli fa comprendere la necessità di separarsi. “Perché hai mentito? “ le chiede Ruggero, “Per amarti” le risponde Magda, “No! Per tradirmi” ribatte Ruggero. “…Non parlai per paura di perdere il tuo amore. M’ero stretta al tuo cuore come a un rifugio santo! Fui amante devota…La tua amante soltanto”. E più oltre “…non maledire, ascolta: se mi struggo in pianto se disperatamente io m’aggrappo a te! Guarda il mio cuore infranto o vita di mia vita. Abbi pietà di me!...”
Inutilmente Ruggero la supplica di non abbandonarlo: la prospettiva di appartenere totalmente a qualcuno e di dover rinunciare alla vita brillante precedente atterrisce a tal punto Magda che essa, pur desolata, lascia l’innamorato Ruggero, disperato per questa scelta.
* *
Accenniamo, anche in questo caso solo per motivi di brevità, alle protagoniste femminili del TRITTICO,
la trilogia di atti unici che Puccini compose in quegli anni e che andò in scena per la prima volta al
Metropolitam Opera House di New York, il 14 dicembre del 1918.
Tre atti unici per tre storie dai contenuti e dalle tinte completamente diverse, tre viaggi nell’intimo
dell’animo umano che, pur nella loro brevità, lasciano il segno per l’efficacia delle scelte sceniche e
musicali.
ITABARRO è la classica storia di un triangolo amoroso nel quale lei, Giorgetta, è la moglie di un
barcaiolo della Senna, che si invaghisce di uno dei manovali del marito, il giovane Luigi. Giorgetta è solo rimpianto per ciò che l’amore aveva promesso e che non ha mantenuto. Rimprovera questo a suo marito Michele e al contempo sente di non poter dire addio alla speranza di poter provare davvero, o di nuovo, quelle emozioni profonde che solo l’amore vissuto senza misura né limiti può dare. E Luigi, forse, per lei può essere colui che le renderà possibile il sogno. Ma la realtà è altro e spesso i sentimenti si piegano alla sua volontà. La morte di Luigi per mano di Michele sarà, in qualche modo la morte di Giorgetta, che nel giovane aveva riposto tutte le sue illusioni.
Di tutt’altro genere è la seconda opera, SUOR ANGELICA, nella quale sono presenti solo personaggi
femminili. A confronto, due donne: Suor Angelica e la Zia Principessa, l’una rea di una maternità
illegittima, l’altra inflessibile giudice ed arbitro delle vicende familiari. Suor Angelica vive questo stato
claustrale con rassegnazione, anche se la mancanza del figlio, che ha visto solo alla nascita, le pesa. La sua semplicità e la sua disponibilità contrastano con l’ardore del suo animo e con i mille travagli che la
macerano. Da un drammatico colloquio con la spietata parente viene a conoscenza che il figlio è morto due anni prima e che lei era stata tenuta all’oscuro di tutto: stanca di vivere, incapace di credere ancora, cerca la morte attraverso quelle piante che erano state per lei oggetto di cura e d’amore per tutti quegli anni. Sono attimi di disperazione nei quali ella rivede la propria vita e sente forte il timore di non poter ritrovare, neppure dopo la morte, il suo adorato figlio: si alza dal suo cuore una preghiera rivolta alla Vergine Maria, donna come lei e madre e quindi capace di comprendere lo strazio del suo cuore. E da quella preghiera la salvezza che le verrà portata del figlio stesso pronto ad accoglierla accanto a sé laddove gli uomini non hanno saputo né comprenderla né perdonarla.
Ed infine l’ultima, e forse più famosa, tra le opere del Trittico, quel GIANNI SCHICCHIche ha preso
spunto da un episodio del Canto XXX dell’Inferno della Divina Commedia.
Qui, a parte il colorito harem delle parenti del ricco Buoso Donati in cerca dell’eredità (Zita della
Vecchia, cugina di Buoso, Nella, moglie di un nipote di Buoso, La Ciesca, moglie di Marco, figlio di un nipote di Buoso), la protagonista femminile è la giovane e ingenuaLauretta, figlia del plebeo Gianni Schicchi. In questo caso, pur essendo l’oggetto dell’intera vicenda, Lauretta funge di fatto da comparsa e serve all’autore per far muovere, in tutt’altra direzione, la piacevole vicenda fino a ricondurla, nel lieto fine,alla figlia finalmente ricca e in grado di sposare l’amato Rinuccio Donati.
* *
E veniamo adesso alla bellissima incompiuta, l’opera che ha vissuto la morte di Puccini, che ne ha
raccolto gli ultimi pensieri, le sue angosce più segrete e i più grandi desideri,TURANDOT andata in scena, con il finale di Franco Alfano, alla Scala il 25 aprile 1926 con la direzione di Arturo Toscanini.
In qualche modo Turandot è il testamento di Giacomo Puccini, un testamento che, ancora una volta,
offre mille spunti di riflessione a studiosi, critici e melomani. Un’opera imponente, “totale” nella sua
complessità e al contempo intimistica negli sviluppi dei singoli personaggi, che vivono o subiscono gli eventi principali senza tuttavia precludersi la possibilità di esserne protagonisti. Un’opera nella quale l’elemento scenico è totalmente piegato al contenuto del libretto e della musica, quasi che una simile “cassa di risonanza” così grande e fastosa, fosse indispensabile per contenere un messaggio così profondo.
Al di là di ciò che appare, i due protagonisti principali dell’opera sono le due figure femminili, la
giovane schiava Liù e la Principessa Turandot. Entrambe insolute nella loro identità e nella vita interiore, proiettano verso l’esterno, in modo diametralmente opposto, questa loro incompiutezza: l’una dedicandosi totalmente e generosamente al vecchio Timur, dal momento che l’amato Calaf si è perduto durante una battaglia, l’altra rinchiudendosi in un autistico silenzio, che la porta a allontanare ed uccidere qualsiasi pretendente per proteggersi dalle sue paure.
Queste due donne, o meglio, l’insieme delle potenzialità di entrambe, dà vita a quel sentimento
totalizzante e di perdizione che è l’amore. Sì, l’amore, così forte e travolgente, così temibile perché fa
perdere lucidità, così sacro da nutrirsi anche della vita, così importante da non poter essere sprecato.
Vediamo meglio chi sono queste due donne: “ …Nulla sono…una schiava, mio signore…” risponde Liù a Calaf che le chiede chi sia, ma subito dopo, alla domanda“… e perché tanta angoscia hai diviso?” risponde “…perché un dì…nella Reggia, m’ha sorriso…” rivelando quello che in cuor suo gelosamente teneva nascosto forse anche a se stessa. E poco più oltre l’accorata preghiera rivolta al Principe ignoto “… Ahimé, quanto cammino col tuo nome nell’anima, col nome tuo sulle labbra. Ma se il tuo destino doman sarà deciso […] ei perderà suo figlio… io l’ombra d’uno sorriso…”
Liù è l’amore, quello che sa attendere e comprendere, quello consapevole e per questo capace di cose
inverosimili; “…chi pose tanta forza nel tuo cuore” le chiederà Turandot vedendola resistere alla tortura “… Principessa, l’amore” risponderà con disarmante semplicità. E al persistere del dubbio di lei, preciserà “…tanto amore segreto e inconfessato, grande così che questi strazi, sono dolcezze per me…” Ma Liù va oltre presentando dell’amore un aspetto ancora più importante “…perché tacendo gli do il tuo amore. Te gli do, Principessa, e perdo tutto persino l’impossibile speranza…”. È così grande in lei l’amore che può addirittura trasfonderlo nel cuore della Principessa di gelo. In fondo ella non è la sua rivale, ma una vittima che merita di essere aiutata, una donna alla quale è giusto restituire il diritto e la possibilità di amare “Tu, che di gel sei cinta, da tanta fiamma vinta, l’amerai anche tu…”. E allora si comprende come il suo sacrificio sarà necessario per diventare parte di lei, per far sì che “… prima di questa aurora, io chiudo stanca gli occhi, perché egli vinca ancora…
E chi è invece Turandot? “… Principessa di morte! Principessa di gelo! Dal tuo tragico cielo scendi giù sulla terra! Ah solleva quel velo…” gli griderà Calaf dopo la morte di Liù. Ma Turandot è ancora prigioniera delle sue paure, cinta da una morsa di ghiaccio che le chiude il cuore “…Principessa Lou-Ling ava dolce e serena che regnavi nel tuo cupo silenzio in gioia pura […] oggi rivivi in me […] E Lou-Ling trascinata da un uomo come te, come te straniero, là nella notte atroce dove si spense la sua fresca voce…”.
La paura di amare è legata a questo ricordo ma ancor più a ciò che dentro di lei questo ricordo suscita;
per questo “…O Principi, che a lunghe carovane d’ogni parte del mondo qui venite a gettar la vostra sorte, io vendico su voi, su voi quella purezza, quel grido e quella morte!” e “Mai nessuno mi avrà” aggiungerà dopo, quasi come un sigillo.
Ma Calaf risolve gli enigmi e con quelli il diritto ad avere l’algida principessa. Non è però ciò che egli
vuole, bensì ciò che il cuore di lei nasconde prima di tutti a se stessa “…principessa altera, ti voglio tutta ardente di amor […] Tre enigmi mi hai proposto, tre ne sciolsi, uno soltanto a te ne proporrò: il mio nome non sai. Dimmi il mio nome prima dell’alba e all’alba morirò…”. Quella estrema sfida costerà la vita alla fedele Liù che sceglierà il suicidio prima di rivelare il nome del suo Principe. Ma nel cuore di Turandot è entrata in qualche modo l’anima profonda di Liù e, come nelle fiabe, il bacio di Calaf “…La mia bocca fremente premerò su di te […] il bacio tuo mi da l’eternità” scioglierà quel ghiaccio e metterà a nudo una donna che temeva l’amore perché nessuno glielo aveva fatto conoscere nel suo aspetto più vero “…straniero, quando sei giunto con angoscia ho sentito il brivido fatale di questo mal supremo. Quanti ne ho visti morire per me! E li ho spregiati; ma ho temuto te! C’era nei tuoi occhi la luce degli eroi E t’ho odiato per quella …e per quella t’ho amato, tormentata e divisa fra due terrori uguali: vincerti o essere vinta…
La metamorfosi è compiuta in Turandot: non più quelle ombre scure del passato, non più quella paura di un sentimento che non si può arginare, ma l’abbandono ad esso, forza vitale e creativa, energia degli uomini e dei popoli. Del resto, come saggiamente avevano detto parlando tra loro Ping Pang Pong “…Addio amore, addio razza! Addio stirpe divina …E finisce la China, addio stirpe divina…
* * *
Certo, quello che abbiamo finora detto non intende avere né la compiutezza di un’analisi musicoligica né quella di un trattato sociologico. Sono riflessioni ad alta voce, frutto degli infiniti ascolti delle opere del Maestro lucchese nei teatri e nei concenti e più ancora in quei momenti di soliloquio davanti ad un CD che ripropone voci di ieri e di oggi, incurante del tempo che passa e che oblìa…
Queste “donne di Puccini” sono quelle che, all’interno di libretti che sembrano romanzi d’appendice,
prendono vita e spessore non appena una mano esperta ed una voce buona danno loro vita, sottraendole dal versificare per necessità e per gusto artistico. Al di là delle apparenze sono donne vere, ognuna per proprio conto, ognuna alla propria maniera; donne che vivono senza lasciarsi vivere, che provano a scegliere sapendo di poter sbagliare, che pagano le loro scelte perché sanno che è nel destino di ognuno fare i conti col proprio vissuto.
Sono, in genere, eroine nel termine più rispettoso e valorizzante possibile, perché si è eroi solo se si è
consapevoli e se si sa vivere il proprio eroismo.
Da tempi e luoghi diversi e lontani ci vengono in aiuto nella nostra sciatta quotidianità per darci una
parola di conforto o solo per dirci che non è toccato solo a noi; e se questo non ci può bastare, allora vengono a portare melodie immortali e pagine di una così squisita bellezza che ci è meno difficile astrarci dai nostri livori, dalle sofferenze e dalle delusioni, per dedicarci a loro e perderci tra quelle note che hanno certamente visto la bellezza del Cielo.
STEFANO MECENATE